Che cos’è l’errore proibito 403 e come risolverlo (5 soluzioni spiegate)

Che cos’è 403 errore proibito?

403 Errore proibito


Uno degli errori più comuni durante la navigazione è Errore n. 403.

È sostanzialmente una risposta del protocollo di trasferimento ipertestuale che un utente può ottenere a causa di numerosi motivi.

Durante la navigazione, se si verifica un errore 403, è perché non si è autorizzati ad accedere all’URL specificato.

In questo articolo, ti guideremo attraverso le sue diverse versioni, cause, possibili risoluzioni e eventuali soluzioni alternative.

Varianti di 403:

Esistono diversi scenari in cui un utente dovrà affrontare una delle versioni multiple dell’errore 403.

Le varianti di errore 403 più comuni sono:

  • 403 Errore
  • 403 proibito
  • 403 Errore proibito
  • 403 Nginx proibito
  • 403 Proibito: accesso negato
  • Errore 403 proibito
  • Vietato
  • HTTP 403 proibito
  • Nginx 403 proibito

Come funziona l’errore HTTP 403?

Un utente vedrà uno degli errori 403 durante la comunicazione con un server tramite HTTP principalmente a causa di un errore di autenticazione o di accesso.

Quando un utente tenta di navigare in una pagina Web, il browser invia la richiesta tramite HTTP.

In risposta, il server esamina la richiesta e, se tutto è corretto, il server risponde con un codice di successo della categoria 2xx prima di caricare la pagina.

Ciò accade così rapidamente che gli utenti non possono vederlo sul proprio schermo.

Tuttavia, se il server rileva alcuni problemi nella richiesta per qualsiasi motivo, visualizzerà un errore di categoria 4xx.

Questi codici vengono generati automaticamente secondo gli scenari predefiniti e ciascun codice di errore rappresenta un motivo diverso.

Questi codici aiutano gli sviluppatori e alcuni utenti sofisticati a capire il motivo.

Gli errori della categoria 4xx più comuni sono 403 e 404.

L’errore 404 indica che i file o le risorse richiesti dall’utente non possono essere trovati nell’URL indicato.

Mentre 403 significa che l’URL desiderato è valido, ma la richiesta dell’utente non può essere soddisfatta.

Il motivo effettivo dell’errore HTTP 403 varia da caso a caso. Ad esempio, per alcuni dei siti Web, la ricerca all’interno di determinate directory è attivamente vietata dallo stato 403.

Come, disabilitando l’accesso diretto al contenuto multimediale sul server.

Possibili ragioni dell’errore 403 e della sua soluzione:

Come abbiamo brevemente spiegato l’errore 403 sopra, ora spiegheremo come un utente potrebbe atterrare in un errore 403 a causa di uno dei seguenti motivi.

Motivo 1: protezione Hotlink

Che cos’è il hotlinking? Il collegamento a caldo sta rubando la larghezza di banda di qualcuno collegando le risorse del loro sito Web come immagini e video, ecc.

Per spiegarlo ulteriormente, supponiamo che il proprietario del sito Web 1 stia ospitando alcune immagini o video ad alta risoluzione sul proprio server.

Il proprietario del sito Web 2 è piuttosto impressionato dalla qualità dei contenuti e decide di utilizzarli anche sul suo sito Web.

Ora, invece di ospitare queste immagini direttamente sul proprio server, le collega dal server del sito Web 1.

Tecnicamente questo funzionerà perfettamente e durante la navigazione del sito Web 2, un utente non sarà in grado di dire subito se il sito utilizza hotlinking.

In questo modo si risparmiano molte risorse per il sito Web 2 ma si stanno rubando le risorse del sito Web 1 e si può degradare la qualità del servizio per il server del sito Web 1.

Per evitare tali situazioni, il proprietario del sito Web 1 può implementare i referrer di zona.

Ciò limiterà l’hotlinking e restituirà un errore 403 in caso di hotlinking.

Poiché si tratta di una limitazione da server a server, l’utente finale non può fare molto in questo caso, tuttavia i proprietari possono risolvere il problema ospitando il contenuto sul proprio server.

Si noti che non è etico utilizzare risorse di terze parti senza la loro autorizzazione.

Soluzione:

Per impostare la protezione Hotlink in cPanel, vai su Sicurezza < Protezione Hotlink:

Sicurezza

Da qui, è possibile abilitare o disabilitare la protezione hotlink:

Abilita-Disabilita

Ora, se sei il proprietario sia del sito Web1 che del sito Web2, puoi disabilitare la protezione hotlink per il proprio sito in modo da poter collegare il contenuto al e dal tuo sito Web.

Il seguente screenshot lo elaborerà per te:

Configurazione

Motivo 2: permessi errati

Un altro motivo più comune per 403 errori vietati è l’impostazione impropria delle autorizzazioni per i file.

Per risolvere tali problemi, il proprietario deve impostare le autorizzazioni come indicato di seguito:

  • Contenuto dinamico: 700
  • Cartelle: 755
  • Contenuto statico: 644

Soluzione:

Per impostare l’autorizzazione, attenersi alla seguente procedura:

1. Accedi al tuo cPanel usando l’URL specificato e le credenziali di accesso assegnate
2. Fare clic sull’icona File Manager nel campo File

permissons

3. A sinistra della finestra che si apre, vedrai le autorizzazioni di tutti i file e le cartelle
4. Assicurarsi che le autorizzazioni della cartella public_html siano 750, come mostrato di seguito:

change-permessi

Se è 750, passa alla risoluzione dei problemi successiva altrimenti segui i passaggi:

un. Scegli la cartella public_html > fai clic sull’icona Modifica autorizzazioni
b. Impostare le autorizzazioni su 750 > Salva.
c. Cancella la cache del browser
d. Cancella la cache DNS locale

Motivo 3: file nascosti / URL errato

I file nascosti non dovrebbero essere accessibili pubblicamente e quindi il server limita l’accesso al pubblico.

Quando un utente tenta di accedere ai file nascosti, viene generato un errore 403 proibito.

Allo stesso modo, per alcuni server, se l’utente immette un URL non valido intenzionalmente o non intenzionalmente, potrebbe verificarsi un messaggio di errore 403 proibito.

Può variare da server a server e dipende da ciò che l’utente ha inserito, ad esempio, potresti visualizzare un errore se inserisci una directory di cartelle anziché un percorso di file.

Motivo 4: Regole IP

Come affermato in precedenza, l’errore 403 sorge principalmente a causa di un errore di autenticazione.

Gli utenti possono visualizzare 403 regole a causa di eventuali regole di rifiuto dell’IP definite in cPanel.

In tal caso, verifica le regole in cPanel per assicurarti di non bloccare il tuo intervallo IP.

Le Regole IP sono molto utili se è necessario bloccare l’accesso per determinati utenti.

Soluzione:

Per verificare le regole IP, seguire i passaggi:

1. Accedi all’account cPanel utilizzando l’URL e le credenziali di accesso fornite.
2. Vai alla sezione Sicurezza e fai clic sull’icona Blocco IP.

ip-bloccante

3. Immettere uno o un intervallo di indirizzi IP a cui si desidera negare l’accesso.

ip-bloccante-add

4. Fare clic sul pulsante Aggiungi.

Nome
Valore
Indirizzo IP singolo192.168.0.1
2001: DB8 :: 1
Gamma192.168.0.1 – 192.168.0.40
2001: db8 :: 1 – 2001: db8 :: 3
Gamma implicita192.168.0.1 – 40
Formato CIDR192.168.0.1/32
2001: DB8 :: / 32
Implica 192. *. *. *192. *. *. *

Motivo 5: Index Manager

Per impostazione predefinita, il server Web carica l’indice o la home page dalla directory di destinazione.

Se il file indice non è presente nella cartella, il browser Web visualizzerà il contenuto della cartella, ma ciò può causare un rischio per la sicurezza.

Il rischio per la sicurezza viene ridotto dal non mostrare direttamente il contenuto della cartella e, in alternativa, viene visualizzato un errore 403.

Soluzione:

È possibile risolvere questo problema caricando il file indice appropriato nella directory o modificando i valori di “Gestore indice” da cPanel.

indici

Conclusione

Esistono molte ragioni per causare un errore proibito HTTP 403, ma tutte significano solo una cosa e che è Accesso negato.

L’errore 403 può essere corretto a livello di server modificando le impostazioni di sicurezza.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map