Shopify vs. WordPress: recensione dopo 27 giorni di test! (2020)

Se sei stato interessato a creare il tuo negozio online, probabilmente hai riscontrato questi due pesi massimi:


Shopify e WordPress.

Shopify è una delle più grandi piattaforme di e-commerce commerciale in circolazione:

shopify circa

Oltre un MILIONE di attività commerciali che utilizzano Shopify e $ 183 MILIARDI di attività economica.

A proposito, quel massiccio secondo numero? È solo dal 2016 al 2018. In soli 2 anni, Shopify ha creato valore nell’economia globale più grande del PIL della maggior parte dei paesi del mondo.

Shopify è un servizio software a pagamento che si concentra sulla facilità d’uso e sulla tranquillità: è un po ‘come un costruttore di siti Web, ma per i negozi.

E poi c’è WordPress. WordPress è una delle uniche altre entità che può davvero contrastare Shopify in termini di portata e influenza.

wp.com circa

Ma è un po ‘più complicato perché in realtà ci sono DUE tipi di WordPress:

Il primo è WordPress.org. È il “originale” WordPress ed è una piattaforma open source per la gestione dei contenuti del sito Web (in particolare dei blog).

WordPress.org è gratuito, a condizione che tu abbia pagato per l’hosting e un nome di dominio.

Poi c’è WordPress.com — è stato co-fondato da uno dei ragazzi che hanno creato il WordPress originale e offre piani a pagamento con una gamma di funzionalità.

Ma mentre la versione gratuita comporta molta più configurazione e installazione da parte dell’utente, WordPress.com è più simile a un costruttore di siti Web: offre hosting e software, inoltre è facile da usare.

In questo articolo, parlerò principalmente di WordPress.com. Ma WordPress.org è ancora un’opzione importante, quindi la citerò qua e là.

Quindi, questi sono i nostri due pesi massimi: Shopify e WordPress sono immensamente popolari e hanno milioni di utenti.

Quindi qual è il migliore per costruire il tuo business online?

Non preoccuparti, amico mio. Ho testato entrambe le piattaforme e le adoro entrambe.

E questo significa anche che ho alcuni indizi su quale sia il migliore per te.

Cominciamo con qualcosa che sarà in prima linea nelle tue preoccupazioni:

Prestazione

Sì, le prestazioni contano molto con i siti Web in generale … ma è importante soprattutto se si tratta di negozi online di cui stiamo parlando.

Certo, nessuno vuole che il loro sito web vada troppo spesso. Ma se gestisci un’azienda, i tempi di inattività possono facilmente tradursi in vendite perse. Quindi una buona prestazione è ESSENZIALE.

Diamo un’occhiata prima alle prestazioni di Shopify. Shopify offre queste garanzie:

esibizione di shopify

Il tempo di attività del 99,98% è piuttosto buono. La maggior parte degli host garantisce il 99,9% di hosting, quindi per Shopify, il cui obiettivo principale non è nemmeno l’hosting, fare un passo sopra è abbastanza grande.

Questo è ciò che un minimo indispensabile del 99,98% si suddivide in:

uptime generale

In media, otterrai 8 minuti di downtime al mese. Di solito considero “buono” il 99,95% e oltre, anche se ovviamente il 99,99% o il 100% è dove mi piace vedere le aziende.

Ma nella vita reale?

Sì, ho scoperto che Shopify rimane sempre sveglio. Ci sono occasionali rari tempi di inattività, ma sono molto scarsi.

La garanzia di Shopify del 99,98% NON significa che sia il massimo che otterrai. In tutto, direi che Shopify ha dei tempi di attività FANTASTICI.

Ma mentre rimanere in piedi è essenziale, la velocità è un altro componente importante delle prestazioni. Nello screenshot che ti ho mostrato in precedenza, Shopify afferma di avere “server incredibilmente veloci”.

Non direi che ho trovato Shopify così eccezionale nella velocità del sito come lo è con i tempi di attività.

Ma è abbastanza veloce e c’è una buona ragione per cui:

Shopify utilizza una rete di distribuzione di contenuti o CDN. Un CDN significa che grandi cluster di server sono collocati in tutto il mondo, quindi sono sempre vicini agli utenti.

Pertanto, quando i clienti di tutto il mondo utilizzano il tuo sito, ottengono velocità relativamente solide.

Quindi, nel complesso, Shopify ha un GRANDE tempo di attività e una buona velocità.

Ora parliamo di WordPress.com:

WordPress.com in realtà non offre alcuna garanzia di rendimento.

“Woah” potresti pensare. “Come è così popolare? Tutti garantiscono buone prestazioni. Deve fare schifo! ”

Non così in fretta, bucko! È certamente strano che WordPress.com non faccia di tutto per vantarsi di grandi prestazioni, considerando che il punto centrale di WordPress.com è ospitare facilmente siti WordPress.

Ma qualunque sia la ragione, non è mai stato un problema per me. Né, sospetto, per la stragrande maggioranza degli utenti di WordPress.com.

Prima di tutto, i miei tempi di attività e velocità del sito su WordPress.com sono stati fantastici. Sono stati facilmente paragonabili a Shopify: qualsiasi differenza tra i due sarebbe all’interno del margine di errore.

E ricorda, WordPress.com è immensamente popolare. Milioni di persone lo usano: MILIARDI visitano i siti WordPress.com.

Non è una coincidenza: è perché WordPress.com si comporta molto bene. La maggior parte delle persone non si preoccupa nemmeno se il loro sito WordPress sarà attivo.

Se sei curioso di WordPress.org, non posso proprio dirtelo: WordPress.org è un software che installi su un host di terze parti.

Cioè, scegli il tuo host e quindi imposta il software WordPress.org su di esso. Le prestazioni dipenderanno quindi principalmente dalle prestazioni del tuo host.

Tuttavia, alcuni host sono migliori di altri. Ecco alcuni dei migliori host per WordPress.

Quindi, come ho detto, non c’è un chiaro vincitore tra il rendimento del mio sito Shopify e il rendimento del mio sito WordPress.com.

Questa è una buona notizia! Ciò significa che entrambe le piattaforme probabilmente funzioneranno meravigliosamente per te.

Quindi il prossimo punto di considerazione è:

Facilità d’uso

Molte persone non si preoccupano delle sezioni di facilità d’uso, ma è estremamente rilevante per questo argomento.

In generale, avere un software facile da usare è essenziale per la maggior parte delle piccole imprese online ed è una parte importante del fascino di WordPress e Shopify.

Quindi iniziarci è Shopify. Shopify è semplicissimo: all’inizio, per iniziare, hai solo bisogno di un indirizzo email, un nome e una password.

Quindi devi inserire alcune informazioni di base sulla natura del tuo negozio:

installazione di shopify

E a proposito, se dici a Shopify che stai solo giocando con il servizio (questo sarebbe il caso se stai facendo la prova gratuita, ad esempio, o in generale non sei sicuro), proveranno a fare le cose ancora più facili:

installazione di shopify

Quindi inserisci alcune informazioni di contatto aggiuntive e puoi iniziare:

installazione di shopify

Complessivamente, questo processo mi ha richiesto circa 3 minuti. E sarebbe stato ancora più veloce se non avessi preso screenshot per questa recensione!

Ad ogni modo, da questa home page puoi vedere che Shopify cerca di mantenere le cose chiare per i principianti.

La home page cerca di aiutarti a rimuovere prima le cose più importanti: avere prodotti, un nome di dominio e un tema.

Se sei un nuovo utente, facendo clic su una delle altre opzioni di menu o funzionalità principali verrà visualizzata un’immagine carina che spiega le basi e ha un pulsante “Inizia”:

facilità di shopify

Qualcos’altro che mi piace davvero sono le impostazioni:

impostazioni di facilità shopify

Ci sono un sacco di impostazioni, ma sono tutte in un unico posto e spiegate in modo semplicissimo.

Inoltre, anche alcune delle impostazioni sono funzioni di grande facilità d’uso. Ad esempio, l’opzione “file” ti dà un posto centrale per la gestione di tutti i tuoi contenuti multimediali, anche se sono sparsi su pagine diverse o non ancora pubblici.

Inoltre, le pagine di impostazione “legali” e “fiscali” sono alcune caratteristiche davvero eleganti.

Sì, potrebbero non essere un sostituto per gestire le proprie tasse o documenti legali o assumere qualcun altro per farli, ma possono sicuramente risparmiare un sacco di tempo ai proprietari di attività:

facilità di shopify

Soprattutto se stai spedendo in paesi diversi e proventi da entrate da quelle aree. Shopify ha già capito qualcosa per te, e questo è di grande aiuto.

E mentre tratterò di più le funzionalità principali nella sezione successiva, è abbastanza facile gestire le basi del tuo negozio:

facilità di shopify

In questo esempio, posso semplicemente gestire molti prodotti contemporaneamente dalla pagina centrale dei prodotti. Posso anche modificare in modo più dettagliato per singolo prodotto, ovviamente.

Questo tipo di gestione semplice è coerente con tutte le altre funzionalità offerte da Shopify. E ne vedrai di più nella sezione funzionalità, quindi non preoccuparti!

Questa è una panoramica della facilità d’uso di Shopify … chiaramente, Shopify è difficile ottenere il meglio in quest’area.

Ma vediamo come funziona WordPress.com!

Come Shopify, hai solo bisogno di alcune nozioni di base per iniziare:

wp.com setup1

Come Shopify, una volta registrate alcune informazioni di base sull’account, inserirai alcune informazioni sul tuo negozio:

wp.com setup2

Ti verrà quindi chiesto quale vuoi che sia il tuo dominio e riceverai un po ‘di upselling da WordPress.com su domini gratuiti per il primo anno, ma che si rinnovano a un prezzo un po’ alto.

Quindi puoi scegliere il livello che desideri pagare, che tratterò nella sezione successiva.

Uno dei motivi per cui WordPress.com è così popolare è che ha un piano gratuito.

E mentre dovrai sostanzialmente pagare se desideri un negozio online tramite WordPress, il fatto che esista un piano gratuito significa anche che non devi affrettarti a scegliere un livello:

wp.com setup3.5

In realtà puoi sempre visualizzare i tuoi piani per gli aggiornamenti rapidi e le FAQ più importanti sono elencate proprio sotto i piani per aiutarti a scegliere.

Quindi questa è una funzionalità abbastanza utile, soprattutto perché WordPress.com non offre prove gratuite per i piani a pagamento.

Inoltre, sebbene il nostro focus qui sia l’e-commerce, i blog sono una cosa importante per cui WordPress è noto. Inoltre, blog ed e-commerce vanno sempre insieme.

Ecco quindi come appare l’ultima versione di WordPress di editor di pagine e post:

wp.com facilità2

Abbastanza semplice, giusto?

Quando fai clic sul piccolo segno più, puoi aggiungere un nuovo “blocco”, ecco come si chiamano gli elementi della pagina, e quindi spostarlo facilmente tra gli altri blocchi.

Questo non è solo utile per spostarsi tra le immagini: semplifica anche lo spostamento del testo.

Quindi, se ti rendi conto che una frase va meglio qui che lì, è facilissimo muoversi. Non hai nemmeno bisogno di tagliare e incollare.

Ci sono anche molti media che puoi aggiungere come blocchi. Questi sarebbero alcuni dei più comuni:

wp.com facilità3

Ma c’è molto di più:

wp.com facilità4

Alcuni di questi blocchi sono follemente utili per i siti di e-commerce:

wp.com facilità5

L ‘”editor di blocchi”, come viene chiamato, è impressionante non solo perché offre molte funzionalità e flessibilità, ma è super facile da usare.

Lo stesso vale per la personalizzazione dell’aspetto del sito e la modifica dei temi:

wp.com facilità6

Onestamente non sono un grande fan dell’editor del sito WordPress. Penso che le interfacce di personalizzazione “facile” debbano essere maggiormente focalizzate sul trascinamento della selezione.

Questo perché molti temi di WordPress hanno versioni di base gratuite ma hanno più funzioni e stili quando acquistati, quindi questo formato funziona bene con l’enorme mercato dei temi di WordPress.

Un altro ottimo punto per la facilità d’uso di WordPress.com è quanto sia facile importare ed esportare:

wp.com semplifica l'importazione

Non fraintendetemi, anche Shopify ha questo, ma non è fluido come WordPress. WordPress è molto popolare ed è abituato alle persone che vanno e vengono da esso per qualsiasi motivo.

Shopify semplifica l’importazione e l’esportazione di determinati elementi, ad esempio i contatti.

WordPress rende semplicissimo importare l’intero sito e tutti i suoi contenuti.

A parte l’importazione, però, non direi che WordPress ha un vantaggio rispetto a Shopify.

Se vuoi gestire solo un blog, certo: WordPress è migliore nel combinare la facilità d’uso con gli strumenti di blog rispetto a Shopify.

Ma e-commerce? Questo è tutto l’affare di Shopify. Shopify è pensato per essere una soluzione pronta all’uso.

E mentre WordPress alimenta MOLTI siti di e-commerce e mentre WordPress.com ha strumenti di e-commerce, non è del tutto in concorrenza con il gioco di Shopify.

Vorrei chiarire qualcosa, tuttavia:

Per la stragrande maggioranza delle persone, non importa. Entrambe le piattaforme sono sufficientemente facili da consentire a quasi tutti i proprietari di siti di gestire in modo efficiente il proprio negozio online.

Shopify è nel complesso più semplice per la gestione di un sito il cui scopo è un negozio. Ma WordPress è più facile per la gestione di un sito complessivo, in particolare un blog, che ha un negozio.

Ha senso?

Non preoccuparti se non lo fa. Le funzionalità influiscono fortemente anche sulla facilità d’uso. Quindi il prossimo:

Prezzi e confronto delle caratteristiche

Prezzi e caratteristiche sono le cose in cui le cose diventano un po ‘rischiose. Ma sono molto importanti e saranno tra le prime domande che i potenziali clienti (come te) hanno.

Quindi iniziamo! Il primo è i prezzi di Shopify:

prezzi shopify

A partire da $ 29 al mese e finendo a $ 299 al mese, c’è chiaramente una vasta gamma che inizialmente potrebbe sembrare un po ‘costosa.

Shopify può diventare un po ‘caro e spiegherò perché in seguito, ma i prezzi BASE qui sono più o meno coerenti con i prezzi della concorrenza, quindi non possiamo lamentarci troppo.

Inoltre, quando vedi le funzionalità fornite con questi numeri, non è poi così male:

caratteristiche di shopify

È un set di funzionalità piuttosto solido.

TUTTI i tre livelli principali ottengono un numero illimitato di prodotti, canali di vendita attraverso diversi siti di social media e mercati online, codici sconto, certificati SSL e recupero del carrello abbandonato.

Quest’ultimo in pratica significa che se i tuoi clienti escono dal tuo sito mentre hanno ancora qualcosa nel loro carrello, riceveranno un’e-mail automatica con il carrello ancora pieno, per un periodo di tempo limitato – questo è piuttosto essenziale per mantenere le vendite.

Tutti i livelli ottengono inoltre sconti sulla spedizione competitivi ed etichette per la stampa, riducendo i costi di consegna.

Il secondo livello espande i conti del personale che puoi avere a 5, ti consente di offrire buoni regalo e ti offre rapporti professionali.

Ottieni anche tariffe di spedizione più competitive e la commissione che Shopify prende quando effettui le vendite è leggermente ridotta.

Sia il secondo che il terzo livello ottengono anche prezzi cubici USPS Priority Mail.

In breve, ciò consente agli spedizionieri di volumi elevati di modificare un po ‘la ponderazione dei pacchi: i pacchi piccoli, ma comunque pesanti, ottengono alcuni sconti se rientrano nei requisiti dei pacchi.

Il terzo livello offre 15 account personale, rapporti ancora più avanzati, mostra le tariffe di spedizione alla cassa e sconti sulla spedizione competitivi fino al 74%.

Il terzo livello paga anche la percentuale più bassa di Shopify per vendita, al 2,4% + $ 0,30 per le vendite di carte online.

E se usi un altro fornitore di pagamenti che non è Shopify, paghi lo 0,5% anziché il 2% (che è quello che paga il primo livello).

Queste funzionalità più avanzate sono buone, ma mi chiedo quanto si adattino all’aumento del prezzo. Dopotutto, $ 299 al mese sono molto più di $ 79 al mese: dovresti davvero sfruttare al massimo quei conti del personale per valerne la pena.

Sulla carta sembra che queste siano caratteristiche piuttosto solide. Ma ciò che conta è quanto sono bravi nella vita reale. Quindi diamo un’occhiata.

Ecco come aggiungere un prodotto in Shopify:

caratteristiche di shopify addproduct

Inizi con le basi. Non ripassare la sezione sulla facilità d’uso, ma è tutto molto intuitivo.

Nonostante ciò, la semplice interfaccia utente ti consente di gestire cose come dove lo vendi (ad esempio, non solo sul tuo sito web, ma sui social media o altri canali), il prezzo per articolo (duh), quanto hai, e così via su:

caratteristiche di shopify addproduct2

Inoltre, ci sono cose utili legate alla spedizione, se applicabili a te.

L’aggiunta di clienti è piuttosto semplice:

caratteristiche shopify addcustomer

Puoi anche prendere appunti sul tuo cliente, cercare esenzioni fiscali relative agli acquisti da quel cliente (ovviamente in base alla sua posizione) e aggiungere tag per raggruppare i clienti in modo più efficace.

Va tutto bene, ma trovo che diventi un po ‘semplice.

C’è un sacco di software in giro per la gestione dei contatti e hanno funzioni molto più avanzate perché sono focalizzate su quel tipo di cose.

Quindi possiamo dare a Shopify un po ‘di passaggio, soprattutto perché puoi integrare il tuo negozio Shopify con tale software di cui sopra.

Ma anche così, ciò può diventare costoso rapidamente. Con WordPress ci sono alcuni modi potenziali per gestire i clienti con maggiori dettagli, ma a un costo inferiore.

Non è chiaro, perché dipende dalle tue integrazioni e dal piano di hosting o dal piano WordPress.com, ma può succedere.

Ad ogni modo, Shopify offre anche analisi di cui sono un po ‘impressionato da:

rapporti sulle caratteristiche di shopify

Molte analisi del sito predefinite sono super basilari. Con Shopify, puoi visualizzare grafici rapidi di molti aspetti diversi del tuo negozio.

Puoi anche visualizzarli per qualsiasi intervallo di tempo che desideri (la mia impostazione predefinita è “oggi”) e persino confrontare determinati orari con altri.

Sebbene il formato sia abbastanza semplice, ci sono un sacco di dati che puoi guardare senza spendere molto tempo. È un’ottima funzionalità e sarà sufficientemente avanzata per la maggior parte delle piccole imprese.

Shopify offre anche funzionalità di marketing. Bene, un po ‘.

Ad ogni modo, ecco come appare quando ti muovi per impostare una nuova campagna:

marketing delle funzionalità di shopify1

È una serie abbastanza decente di opzioni, in quanto sono coperti tutti i luoghi principali. Shopify offre anche opzioni di campagne di marketing per Snapchat e SMS.

Ma il fatto è che questi non sono esattamente di Shopify. Sono forniti da terze parti e richiedono l’installazione di integrazioni:

Funzioni di shopify marketing2

Installare le integrazioni e gestirne le impostazioni può essere un po ‘complicato per le varie campagne di marketing che desideri realizzare, soprattutto rispetto all’idea di poter gestire tutto su Shopify per impostazione predefinita.

Ma la realtà è che chiunque sia serio sull’implementazione di una campagna dovrebbe essere disposto a interagire con molti dettagli e molto probabilmente non utilizzare una terza parte.

Inoltre, tali estensioni / app di solito si installano rapidamente e offrono più funzionalità di quelle che Shopify avrebbe di default:

Funzioni di shopify marketing3

Quindi non è un grosso problema, anche se all’inizio può essere un po ‘fastidioso.

La stessa cosa si applica più o meno alla configurazione delle automazioni: Shopify ha alcune semplici opzioni tra cui scegliere, ma dovrai installare alcune app.

Altrimenti, se le scelte di Shopify non sono abbastanza buone per te, puoi andare all’App Store e ottenere alcune altre opzioni per te stesso.

Il che suona come un punto naturale per passare all’app store di Shopify:

modelli di funzionalità di shopify1

Ora, l’app store di Shopify è sempre stato solido, ma recentemente è diventato particolarmente impressionante. Questo perché l’app store di Shopify offre un numero ENORME di app:

Oltre 3.000.

Ciò significa che esiste un’app per quasi tutte le funzioni di nicchia di cui potresti aver bisogno e di solito più di una.

E, naturalmente, le funzionalità extra più popolari hanno molta concorrenza e quindi chiare integrazioni solide da usare.

Il problema principale a questo punto è il prezzo:

Alcune app sono gratuite, alcune sono gratuite per un periodo di tempo limitato e molte sono a pagamento. La maggior parte delle buone app sono a pagamento.

E quando si combinano i costi di Shopify con le tue app / integrazioni e modelli (che tratterò presto), le cose diventano costose rapidamente.

Ora, non sto dicendo che WordPress è necessariamente più economico.

Può essere meno costoso per circa lo stesso pacchetto, ma WordPress può anche diventare più costoso, specialmente se stai usando WordPress.com e non WordPress.org

Ora, abbiamo quasi finito di guardare alla nitidezza delle funzionalità di Shopify. Ma dobbiamo ancora controllare i modelli.

I modelli sono una cosa essenziale da considerare: quasi tutti vogliono che le loro attività abbiano un bell’aspetto.

E se sei il tipo di persona che è piuttosto interessata a Shopify, è probabile che preferiresti un momento più facile per personalizzare il tuo sito.

Fortunatamente, Shopify mantiene modelli e temi facili come ogni altra parte del suo servizio:

Quando inizi a personalizzare un tema, puoi scegliere tra temi gratuiti, temi a pagamento nel Theme Store o semplicemente personalizzare il tema normale predefinito.

Ma è qui che finisce la nostra fortuna:

modelli di funzionalità di shopify1

Guarda nell’angolo in alto a sinistra …

Ci sono solo 8 temi gratuiti tra cui scegliere.

E anche tra le opzioni a pagamento, ci sono solo 64. Questo è ovviamente molto meglio di 8, ma non è all’altezza di alcuni concorrenti:

Ad esempio, Wix ha letteralmente centinaia di temi. E WordPress? WordPress ha MIGLIAIA di temi. Ma torniamo a Shopify:

Anche se potresti argomentare che i temi di Shopify sono più eleganti e progettati meglio di alcuni concorrenti, non ne sono così sicuro.

Certo, sembrano tutti belli, ma dato quanto ce ne sono pochi, non si distinguono nemmeno così tanto l’uno dall’altro. E se è così, preferirei avere più opzioni.

Tuttavia, non è la fine del mondo. Shopify ti offre solide funzionalità di personalizzazione, anche se non sono all’avanguardia, quindi sei ancora in grado di distinguere il tuo negozio.

Ecco come appare quando personalizzi i tuoi temi:

caratteristiche di shopify personalizza1

Nota importante: questo non è un generatore di trascinamento della selezione, gente. In questo senso, è un po ‘come l’interfaccia di personalizzazione di WordPress:

Il modo in cui modifichi è cambiando la navigazione attraverso i menu e gli strumenti sul lato sinistro. Questo copre quasi tutte le funzionalità del sito:

caratteristiche di shopify personalizza2

Ma il problema è che questo può ancora essere un po ‘limitante. Puoi superarlo installando app per la creazione di pagine che ti offrono maggiore flessibilità, ma questo può sommarsi rapidamente.

Ora, anche se questa potrebbe non essere ogni singola caratteristica che Shopify ha da offrire, penso che abbiamo coperto i fondamenti (e poi alcuni).

Shopify può essere un po ‘limitante a volte, ma è così ben progettato e facile da usare che è difficile trovare molta colpa. Dopotutto, lo scopo è quello di ottenere una soluzione pronta all’uso.

Quindi ora diamo un’occhiata a ciò che WordPress può darci.

Consentitemi di ricapitolare ciò che ho detto nell’introduzione, perché è importante qui.

Esistono due tipi di WordPress. Mi sto concentrando principalmente su WordPress.com, la versione commerciale di WordPress.

La versione gratuita di WordPress funziona in questo modo:

Paghi per l’hosting da solo, quindi installa WordPress.org su di esso gratuitamente. Da lì, installi plug-in che ti offrono funzionalità di archiviazione O assicurati che il tuo piano di hosting abbia funzionalità di e-commerce.

La maggior parte delle volte, le persone che usano l’e-commerce tramite i plugin di WordPress usano WooCommerce. WooCommerce è enormemente popolare e può essere un’alternativa molto più economica a Shopify.

Questo è il motivo per cui ho già confrontato WooCommerce e Shopify. In molti modi, quella recensione è un confronto tra Shopify e WordPress.org.

Quindi farò continui riferimenti ad esso, in quanto è un’opzione valida. Ma per ora, ho un focus primario su WordPress.com.

Inizierò con i prezzi:

prezzi di wp.com

Oh, e c’è anche un piano gratuito.

Ora potresti aver dato un’occhiata a questo e detto a te stesso: i primi due piani sono $ 4 e $ 8 al mese, il che è MOLTO più economico dei prezzi di partenza di Shopify!

Non così in fretta, amico.

Se vuoi solo avviare un blog o un sito Web senza funzionalità del negozio, quei primi due livelli potrebbero andare bene. Ma se vuoi avviare un negozio online?

Stai principalmente guardando quegli ultimi due piani. Il quarto livello, ovviamente, è il piano “eCommerce”, appositamente progettato per ospitare negozi online.

Ma puoi effettivamente equipaggiare il tuo sito con la funzionalità del carrello utilizzando i plugin (l’equivalente delle app di Shopify).

Per accedere ai plug-in, tuttavia, devi pagare per il piano aziendale. Che è abbastanza vicino al piano di base di Shopify comunque.

Tecnicamente, QUALSIASI piano pagato può incassare pagamenti ricorrenti. Quindi puoi ancora guadagnare denaro su qualsiasi piano a pagamento.

In alternativa, puoi utilizzare il piano Premium (secondo livello) per raccogliere pagamenti semplici. Per quanto ne so, avverrà tramite PayPal e solo nel tuo Paese o in un numero limitato di Paesi.

Ma se vuoi prendere l’e-commerce più seriamente, è più probabile che tu vada con Business o eCommerce.

Il mio punto qui è che i prezzi di partenza non sono lontani. Tuttavia, rispetto alla fascia alta di Shopify, che costa $ 79 e $ 299 al mese, WordPress.com è ancora COMPLETAMENTE più economico perché non si avvicina mai a quello.

Ora, chiaramente le caratteristiche sono piuttosto importanti qui. Queste sono le basi:

Caratteristiche di wp.com 1

Come ho detto, esiste un piano gratuito, ma è così limitato che non posso davvero considerarlo nell’ambito di questo articolo. La stessa cosa vale per il primo livello, personale.

Ma va bene, perché Premium in poi ha la maggior parte delle basi necessarie per un sito decente. Shopify aveva già tutte queste nozioni di base: spazio di archiviazione illimitato, larghezza di banda, ecc. Perché l’attenzione è rivolta al negozio e i prezzi sono già iniziati.

Ma con WordPress.com, il primo piano che ti consente di vendere oggetti ha 13 GB di spazio di archiviazione.

Questo è probabilmente molto, e se stai cercando di risparmiare usando Premium, probabilmente non ti avvicinerai troppo al limite.

Ma Business ed eCommerce hanno 200 GB, che soddisferanno praticamente tutti coloro che leggono questo. Puoi accedere a temi premium con Premium e anche capacità di personalizzazione più avanzate.

Come ho detto, puoi accettare pagamenti ricorrenti e pagamenti semplici e regolari con un tema Premium. Ottieni anche strumenti di marketing sui social media, ma sono davvero di base.

L’integrazione di Google Analytics è buona, ma niente di speciale. Puoi farlo anche con Shopify.

Ricorda che hai detto che se fai sul serio con un negozio online, probabilmente prenderai in considerazione gli ultimi due livelli?

Ecco perché:

Funzionalità di wp.com

Essere in grado di caricare temi ti rende più facile creare il tuo tema o assumere qualcuno per progettarne uno per te.

Rimozione del marchio WordPress? Rende il tuo sito SEMPRE più professionale e affidabile per i visitatori.

Ora il piano di e-commerce guadagna il suo prezzo: puoi accettare pagamenti in dozzine di paesi, integrarti con corrieri, ospitare prodotti o servizi illimitati, accedere a strumenti di marketing adatti all’e-commerce e avere temi personalizzabili migliori.

Ecco cosa significa tutto questo:

Il piano di eCommerce, a $ 45 al mese, è il piano di WordPress.com che è paragonabile al piano iniziale di Shopify. Che è $ 27 al mese.

Quindi tutte quelle cose su Shopify sono costose? Sembra un po ‘meno costoso ora rispetto a WordPress.

Ovviamente, qui è dove entrano in gioco i plugin:

wp.com offre plugin

L’utilizzo del piano aziendale a $ 25 al mese e l’installazione dei plug-in necessari, alcuni dei quali gratuiti, potrebbero offrire all’incirca le stesse funzionalità di un piano Shopify, a un costo inferiore o comparabile.

Il plugin principale rilevante qui è WooCommerce. È lassù come uno dei plugin in primo piano in alto a sinistra!

WooCommerce è in realtà di Automattic, che è la stessa società che fornisce WordPress.com. Quindi si adatta in modo molto naturale agli ecosistemi di WordPress.org e WordPress.com.

Ecco come appare in WordPress.org:

wp.org woocommerce

È sempre aggiornato e ha 5 MILIONI di installazioni attive. È gratuito (e ha funzionalità più avanzate che puoi pagare) e viene fornito con le sue integrazioni opzionali.

Quindi il costo qui è più personalizzabile per te. Se paghi per il piano aziendale, puoi installare WooCommerce e utilizzare le sue varie estensioni gratuite per ottenere un negozio online paragonabile a quello di Shopify in termini di funzionalità.

Considerando che il piano aziendale di WordPress.com prevede già una personalizzazione più avanzata rispetto ad altri livelli, potresti essere approssimativamente alla pari con i costi di Shopify o addirittura inferiore.

Considera questo: WordPress.com ha MODI più temi gratuiti di Shopify:

wp.com presenta temi

Naturalmente, non tutti sono destinati ai negozi, ma la maggior parte può supportare i negozi con i plug-in e la personalizzazione giusti.

E WordPress.org ha ancora più temi – in effetti, quasi sicuramente la più grande raccolta di temi per la gestione del sito, periodo:

temi di wp.org

La maggior parte sono gratuiti ma con personalizzazioni limitate e devono essere pagati per sbloccare funzionalità a tema più avanzate.

Nota: WordPress.com e WordPress.org hanno temi sovrapposti. WordPress.org ha una collezione più ampia e ha MODO più temi gratuiti, però.

Tuttavia, se stai cercando una combinazione di convenienza e qualità di sito / negozio, l’utilizzo del piano aziendale di WordPress.com combinato con WooCommerce potrebbe essere una delle tue migliori scommesse.

Potresti anche fare qualcosa di simile con WordPress.org, ma di nuovo — dipende dal tuo piano di hosting, che spetta a te capire e configurare.

Il principale svantaggio della strategia di riduzione dei costi utilizzando i plug-in è che devi occuparti MOLTO di più:

Che tu sia su WordPress.com o .org, devi gestire il tuo plug-in WooCommerce e quindi gestire un sacco di integrazioni per quel plug-in … per non parlare degli altri plug-in per il tuo sito che eri interessato a installare comunque.

E mentre è vero che i temi gratuiti di Shopify sono così limitati che potresti essere costretto a pagare per un tema, i temi gratuiti di WordPress.com e i temi gratuiti di WordPress.org richiedono molti scavi prima di trovarne uno che ti consenta di personalizzare in base alle tue esigenze.

Il mio punto qui è che Shopify potrebbe essere costoso perché sarebbe più probabile che non essere costretto ad acquistare un tema, inoltre le app gratuite di Shopify sono generalmente più limitate rispetto alle app / plug-in gratuiti di WordPress.

MA, praticamente ottieni tutto in una piattaforma centralizzata. Temi e plugin di WordPress possono essere creati l’uno per l’altro, ma ci sono molte più parti in movimento.

Ora c’è l’altra opzione:

Potresti essere interessato al piano di eCommerce di WordPress.com. In tal caso, ecco più o meno quello che ci aspetteremmo che sia migliore di Shopify:

Dovrebbe essere migliore del primo livello di Shopify, poiché è più costoso, ma non deve essere buono come il secondo livello di Shopify.

E su questo, è difficile da dire. Le opzioni di spedizione e le tariffe competitive del piano eCommerce di WordPress.com sono paragonabili a quelle di Shopify.

Gli strumenti di marketing? Sono più avanzati, immagino, ma non molto di più. E in ogni caso, la maggior parte delle persone utilizzerà i plugin per potenziare il proprio gioco di marketing, sia per WordPress che per Shopify.

E ricordi quando ti ho mostrato gli strumenti di marketing di Shopify? Fondamentalmente ti hanno installato integrazioni. Quindi è ancora piuttosto difficile segnare differenze importanti qui.

Un punto a favore di WordPress è che non riduce le vendite.

Mentre Shopify ridurrà il taglio che richiede il più costoso del tuo piano, continuerà comunque ad almeno il 2,4% e $ 0,30 di ogni vendita online.

E se usi altri fornitori di servizi di pagamento, Shopify ne prenderà anche un po ‘di più.

WordPress.com non fa nessuna di queste cose, quindi devi solo preoccuparti di ciò che prendono i fornitori di servizi di pagamento terzi.

Potresti sostenere che WordPress.com non ha uno strumento di gestione dei contatti integrato come Shopify. Ma anche allora, puoi semplicemente ottenere un plug-in per questo.

Quindi, quando guardo le cose in modo olistico, il piano di e-commerce di WordPress.com non si distingue esattamente per le funzionalità.

Fondamentalmente sarebbe una buona opzione per le persone che desiderano una soluzione pronta all’uso come Shopify, ma a cui piace la piattaforma WordPress.

Ancora una volta, questo non vuol dire che non ha funzionalità solide, ma solo che non è esattamente un gradino sopra il primo livello di Shopify nel reparto funzionalità. E quando ha un prezzo notevolmente più alto, ciò che conta.

Nel complesso, BASE Shopify potrebbe essere migliore in termini di funzionalità rispetto a BASE WordPress … ma questa è un’estrema semplificazione.

Così il gioco è fatto. Non esiste una risposta chiara, data la gamma di funzionalità che è possibile aggiungere sia a Shopify sia a WordPress tramite plug-in (in particolare WordPress) e i diversi livelli in esame.

Non preoccuparti, amici. Sarà più facile vedere quale piattaforma è migliore per te mentre copriamo più terreno. Prossimo:

Servizio Clienti

Quindi, l’assistenza clienti:

Importa molto. La sezione di facilità d’uso potrebbe averti convinto che non avresti realmente bisogno dell’assistenza clienti, perché l’interfaccia utente è così semplice.

Pensa di nuovo. Stai gestendo un negozio e potrebbe succedere un numero qualsiasi di cose che renderebbe risposte rapide non solo sollievo, ma risparmio sui costi.

Per non parlare del fatto che l’assistenza clienti può anche aiutarti a ottenere il massimo dal software che stai utilizzando.

Quindi, come al solito, inizierò con Shopify. Shopify ha un’assistenza clienti straordinaria.

La chat dal vivo è sempre affidabile. Ecco un esempio:

chat di supporto shopify1

Quando è necessario utilizzare la chat dal vivo, è necessario innanzitutto inserire l’oggetto.

Ti verranno quindi mostrati articoli correlati e domande comuni sul termine E riceverai comunque un pulsante di contatto se non sei soddisfatto.

È un po ‘più elaborato di quanto mi piacerebbe per una chat dal vivo, ma è ancora abbastanza veloce.

Verrai inserito in una coda in una pagina di chat — di solito sono stato il primo quando questo accade, quindi non ho mai dovuto aspettare molto — e quindi posso iniziare a chattare:

shopify support chat3

shopify support chat4chat di supporto shopify5

Lo so, lo so, non hanno risposto alla mia domanda!

Va bene. Ho intenzionalmente fatto una domanda più dura.

La maggior parte dei rappresentanti di chat dal vivo nella maggior parte delle società di software non può dire alcuna informazione che non sia già immediatamente disponibile sul sito Web o negli articoli di supporto.

E come ha detto il rappresentante, hanno potuto verificare se c’erano documenti correlati. Ho deciso di non accettarli perché potevo fare la stessa cosa.

Ma nonostante l’attesa più che ideale, il tutto ha richiesto solo cinque minuti e il rappresentante è stato disponibile e attento.

Questa è solo una chat di esempio, ma la maggior parte delle volte, i rappresentanti sono stati in grado di dare una mano ogni volta che ne avevo bisogno.

Nel complesso, la chat dal vivo va bene, anche se non è la migliore in assoluto. Ma Shopify ha anche supporto via e-mail / ticket, supporto telefonico e supporto Twitter.

Francamente, si tratta di più opzioni di quante la maggior parte delle persone abbia bisogno, ma qualunque cosa — è fantastico come pacchetto.

L’attrazione principale (per me) dell’assistenza clienti di Shopify non sono i rappresentanti: sono tutte le risorse e le informazioni che Shopify ha prontamente disponibile.

La risorsa principale è la pagina di aiuto:

centro assistenza assistenza shopify

Ha un sacco di articoli. Sono ben scritti e informativi.

Il forum di Shopify è un’altra grande risorsa: è una pagina della community che è uno dei migliori forum della community che ho visto per un prodotto software.

Ci sono oltre 580.000 post, che coprono quasi ogni argomento. Non è utile solo per cercare tra i post precedenti, ma anche per porre domande tu stesso.

Non è tutto. Shopify ha un canale YouTube con tutorial video, una sezione per i webinar e persino un lungo elenco di strumenti gratuiti e un archivio di foto d’archivio gratuite per aiutarti a iniziare la tua attività.

Shopify ha anche provato questo nuovo strumento chiamato Shopify Compass:

bussola di supporto shopify

È ancora in versione beta, ma piuttosto interessante. Puoi monitorare i progressi del tuo negozio su determinate cose:

bussola di supporto shopify2

E puoi anche impostare i tuoi obiettivi oltre a quello premade.

Inoltre semplifica la partecipazione a seminari online gratuiti, una risorsa educativa davvero eccezionale.

So che è un sacco di cose, ma puoi capire perché sono un fan dell’assistenza clienti di Shopify, giusto?

Esistono molti modi per contattare i rappresentanti e, quando lo fai, va bene. Ma le risorse di informazione e apprendimento disponibili sono tra le migliori in circolazione.

WordPress può competere con tutto ciò?

A mio parere, sì. Ma in modo diverso:

WordPress ha meno contenuti di supporto personalizzati e personalizzati di Shopify. E dove esiste, è meno lucido.

Tutti i piani (a pagamento) ricevono supporto via e-mail e chat dal vivo. I piani Business ed eCommerce possono persino ottenere un aiuto personalizzato.

WordPress.com ha anche un forum della comunità:

Forum di supporto di wp.com

Ma non è così ben organizzato come Shopify. È ancora popolare, quindi non saltare ad usarlo, ma non è così snello come Shopify.

La pagina di supporto / centro assistenza principale di WordPress.com non è lontanamente vicina a quella di Shopify:

help center di supporto wp.com

È più mal organizzato, il che significa cercare di sfogliare gli articoli è più una seccatura.

Non ci sono nemmeno molti articoli. Il piccolo pulsante di supporto può essere utile:

wp.com supporto helpbutton

In effetti, lo trovo spesso più utile che andare direttamente alla pagina di supporto principale. Che è sfortunato.

Quindi come fa WordPress ad avvicinarsi a Shopify per quanto riguarda la qualità del supporto?

Bene, è certamente vero che Shopify ha un supporto di prima parte migliore.

Ma WordPress.com è così popolare che puoi trovare molti altri articoli di supporto, post sul forum e così via su Internet.

La stessa cosa vale per WordPress.org.

Potresti avere alcune preoccupazioni naturali sulla fiducia. Certo, alcune informazioni non saranno aggiornate e alcune potrebbero essere inaccurate.

Ma WordPress è un argomento online così immensamente popolare che i risultati più grandi o più popolari, le risposte e le guide a WordPress sono generalmente fantastici.

Shopify ha anche questo tipo di discussione esterna, ma non è affatto vicina alla scala di WordPress (.com o .org).

In breve:

Shopify e WordPress hanno rappresentanti comparabili del servizio clienti, sebbene Shopify abbia più modi di contattarli.

E Shopify vince sicuramente per un facile consumo di informazioni e materiale di prima parte. Ma ci sono molti più contenuti su WordPress da consumare in generale, e questo vale comunque qualcosa.

Pronto per l’ultimo fattore in esame?

Sicurezza

Gestirai molti dati dei clienti, non solo i tuoi, quindi spero che tu non abbia bisogno di una spiegazione sul perché la sicurezza è importante.

Sfortunatamente, ho scoperto che sia Shopify che WordPress.com non fanno molto per parlare della loro sicurezza.

Shopify parla della conformità PCI:

sicurezza di shopify

Conformità PCI significa essere certificati come sicuri per la gestione delle informazioni di addebito e carta di credito online.

È lo standard leader del settore e Shopify ha il più alto livello di conformità.

Questo significa che a Shopify è garantito un minimo indispensabile di sicurezza.

Vorrei che Shopify avesse fornito ulteriori informazioni su come proteggono i loro server e data center e quali altre difese digitali hanno impostato.

Ma avere la conformità PCI di livello superiore è molto meglio di niente.

Il che mi porta al prossimo contendente …

Questo è ciò che dice WordPress:

sicurezza di wp.com

Fondamentalmente non è niente, è la stessa cosa che dire “niente è perfetto, ma siamo sicuri”.

L’unica cosa vera è che dicono di monitorare i loro servizi per le vulnerabilità. Ma questo è un tipo di verità e qualcosa che dovresti aspettarti da qualsiasi azienda online.

Ci sono alcune buone notizie:

WooCommerce è sicuro. Non è conforme a PCI, ma è perché la conformità PCI si applica più all’elaborazione dei pagamenti rispetto al software di e-commerce generale (quando si utilizza WooCommerce su WordPress, la conformità PCI è sotto la propria responsabilità).

WooCommerce è regolarmente controllato da professionisti della sicurezza, quindi mentre vorrei poter sentire di più da WordPress.com, almeno l’integrazione principale è solida.

E WordPress.org? Poiché il modello è andato, questo dipende in gran parte dagli standard di sicurezza del tuo host.

In sintesi: Shopify e WordPress mancano entrambi di informazioni sulle misure di sicurezza, ma Shopify ha una solida conferma nella sua conformità PCI (deve, poiché Shopify elabora i pagamenti).

Pronto a riunire tutto questo?

Conclusione

Eccoci alla conclusione di una lunga battaglia tra due pesi massimi di e-commerce.

Ricapitoliamo ciò che ciascuno dei nostri concorrenti ha in serbo:

Shopify ha prestazioni eccezionali, un eccellente supporto clienti ed è nel complesso intuitivo e facile da usare.

La sicurezza di Shopify è un po ‘incerta, anche se non necessariamente scarsa, e può essere un po’ costosa ma non molto più dei suoi concorrenti.

Per quanto riguarda le funzionalità, Shopify è sostanzialmente completo e ha anche molte integrazioni disponibili. Tuttavia, tenendo conto di tali integrazioni, oltre a temi premium, Shopify può apparire un po ‘costoso.

WordPress.com è più o meno facile da usare di Shopify, sebbene sia più orientato verso la gestione generale di siti Web e contenuti.

Ha un’assistenza clienti decente, come fornita dall’azienda, ma molto più materiale e discussioni online di terze parti. La sicurezza, francamente non ne sappiamo molto.

Quando si utilizzano le funzionalità del piano di eCommerce di WordPress.com si sommano all’incirca quelle di Shopify.

Quando si utilizza il piano aziendale e si equipaggiano WooCommerce e altri plug-in, gli utenti finiscono anche con un set di funzionalità paragonabile a Shopify, a costi inferiori. Ma comporta ancora più gestione e parti in movimento.

C’è molto da tenere traccia di qui: usando Shopify, usando WordPress.org, usando il livello Business di WordPress.com con i plugin o usando il livello di eCommerce di WordPress.com (e forse anche quello con i plugin).

Se sei confuso, ecco un piccolo spiegatore che potrebbe rendere le cose semplici:

  • WordPress.org: il software stesso è gratuito, anche il plug-in del carrello principale (WooCommerce) è gratuito. I costi arrivano perché probabilmente pagherai per altri plugin, upgrade a WooCommerce e hosting. Tuttavia, comporta la gestione di molte più parti in movimento.
  • WordPress.com: il software è a pagamento, ma può essere meno costoso di Shopify. Come WordPress.org, ha un’enorme libreria di temi e plugin, incluso WooCommerce. Tuttavia, WordPress.com è più “pronto all’uso” rispetto alla versione gratuita.
  • Shopify: piani più costosi, meno temi e strumenti predefiniti piuttosto limitati (anche se sono ancora buoni). Ma ottieni tutto dalla scatola.

In questo modo, puoi pensare a WordPress.com come una sorta di opzione intermedia tra Shopify e WordPress.org.

È più costoso di WordPress.org, ma più economico di Shopify. È più focalizzato sulla facilità rispetto a WordPress.org, ma Shopify è ancora meglio a suo agio dal punto di vista della gestione del negozio.

Quindi ecco il mio consiglio:

Se mantenere bassi i costi è importante per te, dovresti consultare WordPress.com e WordPress.org.

Questo è particolarmente vero se sei un individuo o un libero professionista: probabilmente potresti prendere il tempo per imparare WordPress.org e dotarlo dei plug-in o delle funzionalità di hosting necessari.

Se vuoi mantenere bassi i costi, ma non vuoi anche preoccuparti sempre delle parti in movimento, WordPress.com è meglio di WordPress.org:

Ottieni una vasta selezione di temi e plugin, oltre a buone funzionalità man mano che ingrandisci i livelli, ma non dovrai preoccuparti dell’hosting.

Shopify è il migliore per le persone che danno la priorità alle esperienze più semplici. E non c’è da vergognarsi! Non si tratta di essere cattivi con la tecnologia, si tratta di risparmiare tempo e mal di testa.

Shopify è anche migliore per le grandi aziende, perché è più facile collaborare con le persone sulla piattaforma.

E mentre WordPress.com è ancora facile da usare, Shopify riunisce tutto meglio. Inizia dal lato più costoso e i livelli superiori sono molto costosi rispetto a WordPress.

La selezione limitata di temi gratuiti di solito significa che pagherai per un tema Shopify o pagherai qualcuno per farne uno personalizzato. Ci sono plugin gratuiti e a pagamento, come con WordPress, ma l’enfasi è più su quelli a pagamento.

La linea di fondo (e sì, questa è una semplificazione):

WordPress.com e WordPress.org sono migliori per mantenere i tuoi prezzi flessibili. Shopify è migliore per l’esperienza all-in-one.

Non sono ancora sicuro?

Il modo migliore per scoprirlo è solo provarli. WordPress.com ha un piano GRATUITO che puoi usare per sempre:

wp.com freeplan

E Shopify ha una prova gratuita di 14 giorni con funzionalità complete:

prova gratuita di shopify

Allora, cosa stai aspettando?

Esci, costruisci il tuo negozio e inizia a fare soldi!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map